Differenza tra magazine/blog e testata giornalistica registrata 1
+39 338 2498107 info@effettoundici.it

Ve lo sarete chiesti 100000 volte “ma quel giornale online è un blog, una testa giornalistica registrata presso un tribunale competente, oppure un magazine? Ok, un attimo, facciamo chiarezza sul punto. Vediamo qual è la differenza fra magazine, blog e testata giornalistica registrata.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

Magazine e blog sono super giù la stesa cosa: il magazine è un raccoglitore di tanti, a volte tantissimi contenuti che vengono pubblicati con frequenza(6,7,8,9 al giorno) mentre il blog, spesso peraltro accompagnato ad altri progetti online come eCommerce e Comparatori, è un filo conduttore editoriale che permette a chi scrive di “parlare” agli utenti attraverso un “discorso a puntate”, preciso e costante in termini di pubblicazione. Il blog a differenza del magazine però ha di solito una dozzina di contenuti pubblicati mensilmente, non di più

E il giornale online? O meglio la testata regolarmente registrata presso un Tribunale compentente?

Differenza “effettiva” Tra Blog/Magazine e Testata giornalistica

Un giornale sostanzialmente altro non fa che divulgare al pubblico fatti e notizie per come vengono percepite da un punto di vista oggettivo, mentre il blog contribuisce a creare un pensiero prettamente critico tra i suoi lettori: il primo fa notizia, il secondo si limita semplicemente a fornire una serie di punti di vista.

Responsabilità Civile

La testa giornalistica si differisce dal blog e dal magazine proprio per via degli obblighi giuridici che scaturiscono in capo ai soggetti coinvolti nella redazione dei contenuti. Un giornale è passibile di responsabilità sia civile che penale ad esempio sulla veridicità delle notizie, non solo, deve per legge aver un direttore responsabile che abbia conseguito il patentino di giornalista o di pubblicista.

Un magazine e un blog niente hanno a che fare con la tipica organizzazione di un organo di stampa e dunque non hanno in capo ai soggetti coinvolti le tipiche responsabilità civili e penali che sono connesse a chi opera in ambito giornalistico, ad esempio non sono sottoponibili al sequestro giudiziario.

Ciò non toglie che anche qui, chi si rende responsabile di atti diffamatori e di contenuti non veritieri e offensivi nei confronti di terzi dovrà risponderne nelle sedi opportune.

 

1