Cosa fa un CDO e di cosa si occupa: Chief Digital Officer
+39 338 2498107 info@effettoundici.it

Altro termine decisamente abusato oggi, CDO. “Capo di qualcosa di digitale connesso a qualche tipo di industry“… ah no scusate “Chief Digital Officer”.

Semplice a dirsi. Peccato che ogni azienda, in qualsiasi settore che oggi voglia un minimo competere a livello globale, deve per forza di cose “attingere a qualcosina” da quest’ondata digitale, altrimenti, è semplice: si muore.

Cosa fa e chi è un CDO?

Qui non è una questione che bisogna “digitalizzare pane e pesci come credono alcuni“, qui è semplicemente che bisogna capire che qualsiasi impresa, anche un banco al mercato, oggi ha per lo meno, dico un minimo senza offendere nessuno, bisogno di un approccio digitale, almeno per quanto riguarda l’area marketing: chiunque ha bisogno di un sito web e di una pagina Facebook aziendale, ne convenite?

Qualche guru dirà: “se non è mobile, si crepa”. “Se non ci sono il funnel, se non c’è l’intelligenza artificiale, se non c’è Facebook ADS, se non sai gestire il tuo canale Instagram, se ignori il magico potere del growth hacking allora si soffoca”. Si soffoca invece con questo delirio immondo di definizioni a caso.

Ma partiamo con ordine, appunto, il CDO, chi è, e cosa fa?

Wikipedia, ci dice

is an individual who helps a company, a government organization or a city drive growth by converting traditional “analog” businesses to digital ones using the potential of modern online technologies and data, and at times oversees operations in the rapidly changing digital sectors like mobile applications, social media and related applications, virtual goods, as well as “wild” web-based information management and marketing

il CDO è un esperto di prodotto, in relazione al settore in cui opera e al tempo stesso è un “esperto digital” soprattutto in chiave business: poi cosa mangia, cosa beve, se fuma, se dorme la notte o altro, poco importa…

E’ logico che esista questa nuova figura professionale:  il CDO è la conseguenza di cosa accade ogni giorno nel mondo. E’ chiaro che se io domani fondo un’azienda, ma senza scomodare troppo l’innovazione, ecco faccio un esempio pratico, apro una piattaforma di social lending (piccoli prestiti privati online) avrò la necessità assoluta di avere come business developer, o come uomo marketing di fiducia, “un CDO”…

ne avrò meno bisogno, se aprirò un ristorante per intenderci…

Il fatto è che dobbiamo cercare di rendere le definizioni veritiere, logiche per il contesto in cui si vengono a creare… altrimenti falsiamo tutto il concetto che effettivamente ruota attorno ad una ventata di nuove professioni digitali che per fortuna esistono sul serio, e che ogni tanto danno lavoro a dei giovani italiani a volte peraltro talentuosi.

Chief digital officer