Come guadagna un sito di annunci di lavoro? - Effettoundici
+39 338 2498107 info@effettoundici.it

Oggi ci siamo chiesti, ma come guadagna un sito di annunci di lavoro? Un portale dunque che mette in contatto chi cerca lavoro con chi appunto ha il problema opposto: cercare candidati per occupare posizioni aperte all’interno della propria azienda. La risposta è semplice. Ad occhio e croce questi sono siti che guadagnano mediante pubblicità, ma la realtà è un po’ più complessa e oggi vi spieghiamo cosa vogliamo dire con quest’affermazione.

Un sito di annunci di lavoro: cos’è e qual è il suo business model.

Un sito di annunci di lavoro può essere un sito vero e proprio, dunque che pubblica in modo del tutto manuale dei contenuti, offerte di lavoro e job description di vario genere, oppure un puro e semplice aggregatore, sito dunque che tramite uno scrtpt in automatico va a creare una piattaforma che semplicemente pesca qua e là le più svariate offerte di lavoro che ci sono sul web. Ci concentriamo oggi con i siti che sono portali di annunci veri e propri.

Da dove giungono gli annunci?

Vengono dalle aziende stesse che si iscrivono alla piattaforma, sono proprio loro che postano almeno il 90% delle volte l’annuncio di lavoro, spesso e volentieri inedito, e il sito si limita a promuovere l’offerta di lavoro (employer branding), anzi il sito è anche e soprattutto ricettacolo/contenitore dei cv che vengono inviati dagli utenti; in automatico i cv vengono poi smistati alle aziende che hanno inserito l’annuncio.

Capite bene che in realtà un portale di annunci di lavoro non è manco una struttura così banale, vengono trattate comunque enormi moli di dati, personali e sensibili, che ad oggi, grazie alla nuova normativa europea, devono essere trattati con i “guanti” se non si vuole incorrere in sanzioni davvero pesanti.

Da cosa guadagnano questi siti di annunci di lavoro?

Pubblicità come abbiamo appena detto e soprattutto da un costo fisso o variabile che l’azienda che vuole inserire la propria job description deve poter sopportare, tradotto in one shot ad l’inserzione o per un totale di giorni con tariffa giornaliera, oppure come accade su Linkedin proprio come una vera e propria campagna di marketing diretto.

Altre forme di business sito annunci di lavoro

Di sicuro le due vie appena descritte non rappresentano gli unici parametri possibili del classico business model di un sito di annunci di lavoro. Esistono siti/portali che vendono a terzi i dati incamerati da coloro che hanno inviato il proprio cv e che hanno firmato un consenso specifico per la cessione a terzi dei dati personali/sensibili, e altri siti che a mo di abbonamento mettono a disposizione delle aziende i CV di svariate tipologie di lavoratori, tipo bacheca privata per intenderci.

SEO Copywriting e Employer Branding

Non ultimo ci preme sottolineare anche qui come oggi sia importante scrivere con una certa dimestichezza SEO gli annunci di lavoro all’interno di un portale di annunci, sempre che l’azienda inserzionista non lo faccia per conto suo (il che accade almeno il 90% delle volte), è possibile intercettare diverse parole chiave proprio perché connesse con il brand dell’azienda per la quale viene realizzata la job description, specie se famosa.

I siti di annunci di lavoro in Italia più importanti

In Italia assistiamo ad un incremento a tratti “surreale” di siti di annunci di tipo generalista, Indeed (grande multinazionale americana) JobRapido, InfoJobs, Linkedin (che di fatto è anche un’altra cosa): manca proprio nel nostro paese una certa tipologia di siti verticali, interamente dedicati ad alcune attività lavorative.

O meglio, attenzione, non è proprio così, in Italia esistono i portali di annunci di lavoro per gli agenti vendita, non esistono quelli verticali per i SEO Copywriter e per gli sviluppatori web, nel senso, non esistono portali verticali per le nuove professioni e per quelle nuove in ambito digitale, o se ci sono, sono poco conosciuti.