Rel Canonical: l'attributo che evita le penalizzazioni relative a contenuti copiati - Effettoundici 1
+39 338 2498107 info@effettoundici.it

Sentiamo spesso parlare di Rel Canonical, oggi con questa mini guida andiamo a vedere di cosa si tratta nella maniera più dettagliata possibile. L’attributo Rel Canonical non è altro che una parte integrante del tag link, si tratta quindi di un semplice attributo in HTML che viene inserito quando vogliamo specificare ai motori di ricerca che intendiamo far prevalere dal punto di vista di ranking quel tipo di contenuto piuttosto che un altro identico dal punto di vista testuale ma diverso dal punto di vista della URL.

Quando usiamo il Rel Canonical

Usiamo il Rel Canonical quando siamo costretti ad accettare dei contenuti duplicati all’interno del nostro sito per ragioni strutturali, il tipico caso è relativo alle pagine archivio, dove per ragioni di tassonomia si possono verificare situazioni del tipo:

contenuto A allegato a pagina X (tag), contenuto A allegato a pagina Y (tag) = ecco che pagine Y e X sono identiche e duplicate, dunque papabili di penalizzazione.

Risolve tutto l’attributo canonical.

Come si applica il rel canonical

Immaginiamo che vogliamo far prevalere agli occhi di Google la pagina X e dunque renderla rankabile, cosa dobbiamo fare? Semplice dobbiamo precisarlo all’interno del tag head di quella pagina con l’applicazione del canonical, proprio in questo modo:

non solo, dobbiamo replicare lo stesso attributo dentro il tag head della pagina Y ed eventualmente Z se uguale di contenuto, appunto per precisare che stiamo puntando unicamente a pagina X in relazione al contenuto che intendiamo far rankare da Google, in pratica stiamo dicendo a Google che quello è il nostro contenuto originale, degno pertanto di “giocarsi” il posizionamento sulla SERP!

rel canonical

dal blog di Giorgio Taverniti

Conclusioni

Come vedete il Rel Canonical aiuta in diverse occasioni. Non sono poche le situazioni in cui ci tocca applicarlo, anzi se proprio vogliamo le occasioni sono infinite all’interno delle dinamiche di progetti web complessi.

Google detesta i contenuti copiati e pertanto non originali, non a caso fa delle vere e proprie crociate sul web per evitare che non vi siano contenuti uguali ad altri e pertanto non inediti. Prestate dunque molta attenzione all’applicazione del Rel Canonical che resta uno dei baluardi assoluti della SEO Tecnica in grado di risolvere la duplicazioni di contenuti sia all’interno del medesimo sito che su siti diversi.

Variante AMP + Canonical

Un’applicazione particolare del Rel Canonical la si ha nel caso delle AMP, in sostanza si mette il Rel Canonical alla pagina “Acceleretad Mobile” in modo da non creare un duplicato con la pagina desktop, la quale è così papabile di essere correttamente indicizzata da Google.

Precisazioni Canonical

Tenete sempre presente che il Rel Canonical si applica anche quando i siti sono diversi, in pratica si applica pure cross domain in caso di uguaglianze di contenuto; non si applica invece quando non vi è identità di target di utenti in relazione alla loro lingua e al mercato di riferimento. Cosa vuol dire? Significa che il Rel Canonical è valido solo quando ci si riferisce, ad esempio nel caso di Google.it ad utenti che parlano italiano e che usano Google.it e il proprio browser in italiano e a concause che si riflettono sul mercato italiano.

Diventa un SEO Specialist, scegli il Corso SEO Tecnico di Effettoundici!

1